Charlie Chaplin, 1952 by W. Eugene Smith

Charlie Chaplin, 1952 by W. Eugene Smith

Si inaugura a Forma, mercoledì 19 aprile alle ore 19, la mostra Life I grandi Fotografi, una retrospettiva che racconta il meglio dei grandi fotografi che hanno collaborato con la storica rivista americana.

Per tutto il XX secolo i fotografi della rivista Life hanno raccontato con le loro immagini ogni aspetto della vita umana. Vedere la vita, vedere il mondo era il motto impresso nel primo numero di Life e veramente, con il loro stile inconfondibile, i fotografi di questa rivista hanno impreso una volta nella maniera d comprendere l’attualità, di vederla e di raccontarla attraverso le immagini.

La mostra, Life I grandi Fotografi, che sarà presentata a Forma è una produzione inedita, messa a punto proprio per questa occasione, un insieme di circa 150 fotografie tra le più celebri realizzate dai fotografi di Life racconteranno la nascita, l’evoluzione e lo stabilizzarsi di una visione che è diventata decisiva per tutto il Novecento: il mondo della maniera di Life.

In esposizione, le immagini migliori dei fotografi di staff e di alcuni altri celebri collaboratori della rivista: da Eisenstaedt a Bourke-White, da Mydans a Parks, da Eugene Smith a Robert Capa. La testimonianza del talento, della creatività e del coraggio di questi autori è racchiusa in questa mostra.

Un ragazzo da spettacolo in una piscina, Italia, 1963 by Paul Schutzer

Un ragazzo da spettacolo in una piscina, Italia, 1963 by Paul Schutzer

All’esposizione antologica viene associata anche una preziosissima selezione di stampe vintage di Life , che sarà inaugurata lo stesso giorno nella sala bianca di Forma: Used in LIFE MAGAZINE. Con questo timbro venivano contrassegnate, sul retro, le stampe che erano state effettivamente usate per la pubblicazione sulla rivista e sotto questo titolo sono raccolti i vintage utilizzati dagli anni 30 agli anni 50 per la pubblicazione della rivista e scelte da Forma da Howard Geendberg, tra i galleristi ù noti e affermati di New York e grande conoscitore di Life.

Il volume che accompagna la mostra è pubblicato da Contrasto e contiene le opere migliori di fotografi di staff e di alcuni altri collaboratori della rivista: 99 tra i più grandi fotografi della storia, da Eisenstaedt a Bourke-White, da Mydans a Parks, da W. Eugene Smith a Robert Capa fino a Morse e a McNally, il cui recente servizio sul round Zero si inserisce nella grande tradizione di Life. Il libro è a più completa antologia fotografica di Life mai pubblicata:

“I fotografi che lavorano per life riprendono il mondo che li circonda e prestano una particolare attenzione alle persone che lo abitano e alle loro attività. Ciascuno di noi è convinto di saperlo fare meglio di chiunque altro (ma forse non tutti abbiamo ragione). Molte delle nostre foto restano impresse nella memoria e diventano veri classici. Per quale motivo? Credo perché conservano la capacità di sorprendere.La parola scritta diventa rapidamente obsoleta: una notizia vecchia è un ossimoro. Invece le fotografie vecchie continuano a richiamare la nostra attenzione, e credo sia proprio questo lo spartiacque tra le ambizioni dei fotografi e quelle dei giornalisti. L’ambizione di creare opere che non perdano mai d’interesse è la base portante di questo libro”. (John Loengard)