2

MARIO GIACOMELLI

LA FIGURA NERA ASPETTA IL BIANCO

A cura di Alessandra Mauro

Museo di Roma Palazzo Braschi

23 marzo – 29 maggio 2016

Venerdì 27 maggio 2016 presso il Museo di Roma Palazzo Braschi ci sarà l’evento di finissage a due giorni dalla chiusura della mostra Mario Giacomelli. La figura nera aspetta il bianco. Dalle 17,30 alle 19,30 nelle sale del museo si svolgerà un vero e proprio happening fatto di musica e parole. Sarà possibile ammirare le fotografie esposte, guidati nelle diverse sale dalla curatrice Alessandra Mauro e del sassofonista Stefano Diglio: un incontro/ improvvisazione speciale tra musica, parole e immagini.  All’evento si accede con il biglietto della mostra.

“L’immagine è spirito, materia, tempo, spazio, occasione per lo sguardo. Tracce che sono prove di noi stessi e il segno di una cultura che vive incessantemente i ritmi che reggono la memoria, la storia, le norme del sapere.”

Mario Giacomelli

La grande mostra antologica propone per la prima volta a Roma un viaggio appassionante nella fotografia di Mario Giacomelli, nella sua arte, nella sua intima e profonda poesia, nel suo furore creativo. La mostra, promossa da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è prodotta da Fondazione Forma per la Fotografia, in collaborazione con Archivio Giacomelli di Senigallia, e organizzata con Zètema Progetto Cultura.

L’esposizione presenta circa 200 tra le fotografie più importanti del fotografo di Senigallia, tutte in formato originale: stampe vintage e autografate dall’autore. L’esposizione consentirà per la prima volta al pubblico di Roma di ammirare una grande retrospettiva del lavoro di Giacomelli, realizzata in stretta collaborazione con la famiglia e accompagnata dall’analisi storico critica di vari importanti autori.

Nelle sale di Palazzo Braschi saranno esposte molte delle celebri serie del grande fotografo italiano, il più importante e innovativo che l’Italia abbia mai avuto: dalle sue prime fotografie, scattate sulla spiaggia di Senigallia nel 1953, alle serie dedicate all’Ospizio (Verrà la morte e avrà i tuoi occhi), ai “pretini” in festa nel seminario della città (Io non ho mani che mi carezzino il volto), a Lourdes, alle atmosfere fuori dal tempo di Scanno, ai contadini de La buona terra, alla storia quasi cinematografica di Un uomo, una donna, un amore; senza trascurare le serie dedicate alle grandi poesie che affascinavano con il loro ritmo e la loro profondità Giacomelli (A Silvia, Io sono Nessuno, Ritorno …).

Non mancano in mostra anche le straordinarie immagini del paesaggio marchigiano, che per tutta la vita Giacomelli non si è mai stancato di fotografare, di riprendere e di sorprendere, ed alcune tra le sue immagini più “materiche”, dove la tensione tra le figure nere e il bianco di fondo si fa attesa drammatica, corposa, lirica.

Saranno visibili anche altre serie (Così come la morte, Ritorno, Territorio del Linguaggio, il volo lento delle farfalle), che testimoniano quel lavoro incessante di grande inventore di immagini che ha sempre contraddistinto il lavoro di Mario Giacomelli.

La mostra esposta a Palazzo Braschi è una preziosa occasione per conoscere e apprezzare il talento fotografico e l’eccezionale realismo magico di Mario Giacomelli.

“Cerchi sempre di sintetizzare in pochi elementi i suoi argomenti”, gli raccomandava Pietro Donzelli, “inventi delle fotografie, la sua sensibilità gliele suggerirà certamente. A volte basta un suono o una voce per creare dentro di noi un’immagine o dei personaggi. Li racconti questi personaggi, prima a se stesso, poi agli altri con una sequenza di immagini… Sarà dura la sua strada, come è dura la mia, perché la malinconia non è sempre accettata dagli uomini che cercano di sfuggirla. Si ricordi però che il cammino degli artisti è fatto solo di tristezza e di dolore. Nascono per consolare la tristezza degli altri … Faccia ogni tanto una personale cercando di raccontare per immagini…”. A questo insegnamento, Giacomelli sembra esser stato sempre molto fedele.

Il libro che accompagna la mostra è pubblicato da Contrasto. Accanto alle fotografie, completano il volume una biografia di Mario Giacomelli curata dal figlio Simone e da testi e analisi critiche di Roberta Valtorta, Paolo Morello, Ferdinando Scianna, Christian Caujolle, Alistair Crawford, Goffredo Fofi e Alessandra Mauro.

Mario Giacomelli, nato a Senigallia nel 1925, inizia a lavorare a 13 anni in una tipografia. Nel 1952 compra una macchina fotografica e scatta la sua prima immagine, “L’approdo”. Da allora, fotografo non professionista per scelta, si dedica alla creazione delle sue intense serie fotografiche: la vita d’ospizio, i paesaggi, Scanno, il mondo contadino.

Nel 1953 entra a far parte del gruppo fotografico Misa e nel 1956 de La Bussola. Dal 1955 viene celebrato dall’allora direttore della fotografia del MoMa di New York John Szarkowski e comincia a ottenere riconoscimenti e a esporre in Italia e all’estero. Le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private di tutto il mondo.  Muore a Senigallia nel 2000.

 

 

Ufficio stampa Contrasto

Valentina Notarberardino +39 06 328281 – +39 366 6678862

vnotarberardino@contrasto.it www.contrasto.it twitter @contrastobooks

 

Ufficio stampa Zètema Progetto Cultura

Giusi Alessio +39 06 82077327 – +39 340 4206562 g.alessio@zetema.it
www.zetema.it  twitter @ZetemaCultura

 

 

 

 

Scheda info

 

Mostra

 

Dove

 

Inaugurazione

Mario Giacomelli. La figura nera aspetta il bianco

 

Museo di Roma – Palazzo Braschi

Ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10

 

 

Martedì 22 marzo, ore 18.30

 

Quando 23 marzo – 29 maggio

 

Orari                                          

 

 

Biglietteria                             

 

Dal martedì alla domenica dalle ore 10 – 19 (la biglietteria chiude alle 18)

Giorni di chiusura lunedì, 1 maggio

 

 

biglietto unico Museo e Mostra per non residenti:

11 euro intero, 9 euro ridotto;

gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

 

Promossa da

 

A cura di

 

Produzione

 

Organizzazione

 

In collaborazione con

 

Catalogo

 

Info mostra

Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali
Alessandra Mauro

 

Fondazione Forma per la Fotografia

in collaborazione con Archivio Giacomelli di Senigallia

 

Fondazione Forma per la Fotografia con Zètema Progetto Cultura

 

Mastercard Priceless Rome

 

Contrasto

 

Tel 060608 (tutti i giorni ore 9.00 – 21.00)

www.museodiroma.it www.museiincomuneroma.it