VERA FOTOGRAFIA
Reportage, immagini, incontri

10

Venezia, 2014 © Gianni Berengo Gardin/Courtesy Fondazione Forma per la Fotografia

19 maggio – 28 agosto 2016
Palazzo delle Esposizioni, Roma


a cura di Alessandra Mammì e Alessandra Mauro

“Vera fotografia” intende ripercorrere la lunga carriera di Gianni Berengo Gardin (Santa Margherita Ligure 1930), il fotografo che forse più di ogni altro ha raccontato il nostro tempo e il nostro paese in questi ultimi cinquant’anni. La sua vita e il suo lavoro costituiscono una scelta di campo, chiara e definita: fotografo di documentazione sempre, a tutto tondo e completamente.

In mostra saranno esposti i suoi principali reportage. Accanto alle celebri immagini, ve ne saranno altre poco viste, addirittura inedite in modo da offrire nuove chiavi di lettura per comprendere il suo lavoro e, attraverso questo, il ruolo di visione consapevole della realtà che una “vera fotografia” può offrire.

Essere fotografi per Berengo Gardin significa assumere il ruolo di osservatore e scegliere un atteggiamento di ascolto partecipe di fronte alla realtà, così come hanno fatto i grandi autori di documentazione del Novecento. In questi anni, del resto, l’autore è stato sempre in prima linea per raccontare, come avrebbe detto il sociologo e fotografo statunitense, Lewis Hine, quel che doveva essere cambiato, quel che doveva essere celebrato. Con la sua macchina fotografica si è concentrato a lungo soprattutto sull’Italia, sul mondo del lavoro, la sua fisionomia, i suoi cambiamenti, registrati come farebbe un sismografo. Oppure sulla condizione della donna, osservata da nord a sud, cogliendo le sue rinunce, le aspettative e la sua emancipazione. O sul mondo a parte degli zingari, cui l’autore ha dedicato molto tempo, molto amore e molti libri. “Quando fotografo – ha detto Berengo Gardin – amo spostarmi, muovermi. Non dico danzare come faceva Cartier-Bresson, ma insomma cerco anch’io di non essere molto visibile. Quando devo raccontare una storia, cerco sempre di partire dall’esterno: mostrare dov’è e com’è fatto un paese, entrare nelle strade, poi nei negozi, nelle case e fotografare gli oggetti. Il filo è quello; si tratta di un percorso logico, normale, buono per scoprire un villaggio ma anche, una città, una nazione. Buono per conoscere l’uomo”.

Rispettando la successione temporale dei reportage realizzati nel corso della lunga carriera di Berengo Gardin, la mostra sarà divisa in sei ampie sezioni intrecciate tra loro in un unico percorso: Venezia; Milano e il lavoro; Manicomi, zingari e foto di protesta; Italia e ritratti; Le donne; Visioni del mondo: paesaggi e Grandi Navi.

Le diverse sale conducono il visitatore in un percorso al tempo stesso tematico, filologico e cronologico, attraverso i principali lavori realizzati dal fotografo: dalle prime immagini di Venezia degli anni Cinquanta fino alle più recenti, sempre di Venezia, dedicate alle Grandi Navi (2014-2015).

La vita di Gianni Berengo Gardin è fatta anche di molti incontri. In occasione della mostra diverse persone (amici, intellettuali e colleghi) sono state chiamate a scegliere e commentare una sua foto spiegando il perché della scelta. Così, nelle diverse sezioni, accanto alle stampe vintage dal tipico formato 30×40 che caratterizza le sue fotografie, si alternano 24 immagini in grande formato accompagnate ognuna da un relativo commento “d’autore”. Si tratta di una sorta di omaggi, o di doppi omaggi, all’autore e ai suoi commentatori.

Gli autori chiamati a commentare le fotografie di Gianni Berengo Gardin sono i registi Marco Bellocchio, Alina Marazzi, Franco Maresco e Carlo Verdone, ma anche gli architetti Stefano Boeri, Renzo Piano e Vittorio Gregotti, gli artisti Mimmo Paladino, Alfredo Pirri, Jannis Kounellis e la critica e curatrice Lea Vergine. In mostra ci sono anche i commenti del sociologo Domenico De Masi, dei colleghi fotografi Ferdinando Scianna e Sebastião Salgado, ma anche di Luca Nizzoli Toetti, fotografo emergente. Tra gli scrittori, Maurizio Maggiani e Roberto Cotroneo hanno accettato di dare il loro contributo. C’è anche un testo di Peppe Dell’Acqua, psichiatra dell’equipe di Franco Basaglia, accanto a quello dei giornalisti Mario Calabresi, Michele Smargiassi e Giovanna Calvenzi. E poi ancora lo scrittore e critico Goffredo Fofi e Marco Magnifico, vicepresidente del FAI, e la street artist Alice Pasquini.

Il percorso espositivo è completato da una selezione dei numerosi libri pubblicati da Gianni Berengo Gardin. Nel corso degli anni ne ha realizzati oltre 250: testimonianze del lavoro svolto dall’autore e del grande interesse che egli ha suscitato in ambito editoriale.

La mostra è accompagnata da un catalogo pubblicato da Contrasto.

 

Gianni Berengo Gardin è nato a Santa Margherita Ligure nel 1930. Dopo essersi trasferito a Milano si è dedicato principalmente alla fotografia di reportage, all’indagine sociale, alla documentazione di architettura e alla descrizione ambientale. Nel 1979 ha iniziato la collaborazione con Renzo Piano, per il quale ha documentata le fasi di realizzazione dei progetti architettonici. Nel 1995 ha vinto il Leica Oskar Barnack Award. È molto impegnato nella pubblicazione di libri (oltre 250) e nel settore delle mostre (oltre 200 individuali). Contrasto ha pubblicato di recente Il libro dei libri (2014) che raccoglie tutti i volumi realizzati dal maestro della fotografia (oltre 250), Manicomi (2015) e Venezia e le grandi navi (2015). L’intera produzione e l’archivio di Gianni Berengo Gardin sono gestiti da Fondazione Forma per la Fotografia di Milano.

 

Palazzo delle Esposizioni via Nazionale 194 – Roma
Promossa da
Roma Capitale
Prodotta e organizzata da
Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con Contrasto e Fondazione Forma per la Fotografia


Orari
: domenica, martedì, mercoledì e giovedì: dalle 10.00 alle 20.00; venerdì e sabato: dalle 10.00 alle 22.30; lunedì chiuso
Biglietto: intero € 12,50; ridotto € 10.00. Permette di visitare tutte le mostre in corso al Palazzo delle Esposizioni.
Informazioni e prenotazioni: singoli, gruppi e laboratori d’arte tel. 06 39967500; www.palazzoesposizioni.it