LE MOSTRE DI FORMA MERAVIGLI

11I giorni del Parco Lambro
Continuous days, Milano
29/5/1975 – 26/6/1976

Fotografie di Dino Fracchia

A cura di Matteo Balduzzi

24 giugno – 8 settembre 2016

La mostra, promossa da Fondazione Forma per la Fotografia e realizzata in collaborazione con COLLI Independent Art Gallery (Roma), VIAINDUSTRIAE (Foligno) e A+M Bookstore (Milano), resterà aperta al pubblico fino all’8 settembre 2016. Forma Meravigli è un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano e Contrasto.

A quarant’anni dalla conclusione del Festival del proletariato giovanile nel Parco Lambro di Milano, vengono presentate per la prima volta al pubblico in versione integrale le fotografie del reporter Dino Fracchia, scattate durante le ultime due edizioni del festival (1975 e 1976): 13 rullini inediti, per un totale di quasi 250 immagini.

Il risultato è un continuum fotografico che invade lo spazio di Forma Meravigli in forma di installazione e ci consente di rivivere l’esperienza di Parco Lambro, lasciandoci immergere e identificare con la curiosità, l’eccitazione, lo spaesamento e la meraviglia delle centinaia di migliaia di giovani che parteciparono al festival.

La presentazione delle immagini in un flusso ininterrotto bypassa la mediazione rappresentata dall’editing e dalla scelta autoriale e toglie enfasi agli aspetti puramente compositivi dell’immagine: il progetto opera così una rilettura del reportage tradizionale alla luce delle più attuali modalità di fruizione e condivisione dell’immagine digitale, dai social media alla webcam.

I giorni del Parco Lambro rappresenta il primo di una serie di appuntamenti dedicati a Milano, attraverso i quali Fondazione Forma intende utilizzare l’immagine fotografica per offrire alla città momenti di riflessione e approfondimento su episodi significativi della sua storia recente.

Il Festival del proletariato giovanile fu la più importante manifestazione musicale e contro culturale italiana dell’epoca. Insieme ai grandi nomi del rock italiano – tra i quali Area, Stormy Six, Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Eugenio Finardi, Edoardo Bennato, Franco Battiato, Antonello Venditti, Giorgio Gaber – radunò dal 1974 al 1976 migliaia di giovani che rappresentavano una variopinta geografia umana composta da freak, militanti underground, cani sciolti, femministe, semplici curiosi e appassionati di musica.

Una riappropriazione dello spazio pubblico per un happening pacifico e danzante, manifestazione spensierata, nel clima di tensione degli anni del terrorismo che di lì a poco raggiungeranno il loro, tragico, culmine. Non a caso il Festival si concluse per sempre con l’edizione del 1976, caratterizzata da gravi problemi di ordine pubblico, già accennati l’anno precedente, in cui sono ormai evidenti e non conciliabili i germi della rivolta, l’intromissione della politica, la violenza degli anni di piombo. Sono esemplari a proposito le immagini dei polli espropriati e della cacciata dei cantautori che chiudono simbolicamente l’epoca della cultura beat-hippie ormai denudata e ne aprono un’altra, l’irriguardosa scena punk, in un orizzonte post-industriale che si intravede soltanto.

Dino Fracchia, che aveva frequentato senza macchina fotografica le precedenti edizioni del 1971, ’72 e ’74, è tornato poi nei due anni successivi a fotografare il paesaggio vivo di una adunata di oltre 100.000 giovani. Le sue fotografie raccontano il lento scorrere delle giornate con i relativi accadimenti, descrivono l’appropriazione degli spazi urbani come significato rivoluzionario, l’accelerazione della rivolta o della danza. Le immagini in mostra evocano l’utopia di una società parallela, del tempo liberato con i suoi simboli, i suoi svaghi e le sue libertà. Svelandone, al contempo, le profonde contraddizioni.

Riattraversare oggi la folla sconfinata di Parco Lambro rappresenta l’occasione per rivivere un momento importante e imprescindibile nella storia e nell’immaginario collettivo della città di Milano.

La mostra è accompagnata da una serie di appuntamenti e incontri che presentano alcuni dei protagonisti di allora e si concluderà con un finissage/happening in cui le fotografie esposte, firmate dall’autore, saranno messe in vendita in una speciale tiratura low-budget.

Inoltre, il film documentario Il festival del proletariato giovanile al Parco Lambro (1976)di Alberto Grifi verrà proiettato durante tutto il periodo della mostra nella versione integrale di 4 ore.

13Calendario eventi:
IO C’ERO
Una serie di incontri sull’esperienza di parco Lambro, presso Forma Meravigli:

– 7 luglio: Il Lambro non era il Gange. Matteo Guarnaccia con Italo Bertolasi e Maurizio Rotaris

– 14 luglio: Prima che la vita cambi noi, proiezione del film di Felice Pesoli

– 8 settembre: finissage della mostra

Inoltre, grazie alla collaborazione con Elita Enjoy living Italy, per tutto il periodo della mostra si svilupperà una sinergia tra Forma Meravigli e Casetta+, nel cuore del Parco Lambro.

Casetta + è un progetto che unisce utilità sociale e intrattenimento. Iniziative di musica, arte e divertimento organizzate dall’Associazione Elita Enjoy living Italy e dal Club Fuoriluogo e Temporaneo Buka, grazie alla collaborazione con l’Impresa Sociale Saman che nel parco gestisce la piccola struttura comunale chiamata ‘Peter Pan’ per il reinserimento lavorativo di ex-carcerati, tossicodipendenti, vittime di abusi e persone in difficoltà.

Per la durata della mostra, alla Casetta+ verrà allestito un corner dedicato alla mostra I giorni del parco Lambro, mentre da Forma Meravigli saranno disponibili informazioni sulle attività di Casetta+.

Sabato 10 settembre, una grande festa all’interno del parco Lambro chiuderà la mostra e presenterà la programmazione di settembre di Casetta+.

 

5Dino Fracchia è nato a Milano nel 1950, ingegnere aeronautico mancato, inizia a fotografare professionalmente nel 1974. Da allora ha fatto diversi reportage fotografici viaggiando fra Europa, Africa, Americhe e Medio Oriente, usando i mezzi di trasporto più diversi, spesso i più improbabili, a volte anche a piedi. Collabora o ha collaborato con numerose testate italiane ed estere, fra cui Panorama, L’Espresso, Epoca, Europeo, Sette, Il Venerdì, La Repubblica, La Stampa, Corriere della Sera, Focus, Airone, New York Times, Time Magazine, Chicago Tribune, Le Monde, Liberation, Stern etc; i suoi portfolio sono apparsi sulle edizioni francese e italiana di Zoom, Progresso Fotografico e Photo.

Accompagna la mostra il catalogo:
Continuous Days. Parco Lambro, Milano 29/5/1975 – 26/6/1976, edito da VIAINDUSTRIAE,
A+M bookstore, COLLI publishing platform, a cura di Amedeo Martegani ed Emanuele De Donno

 

Dal 24 giugno all’8 settembre 2016
Mercoledì, venerdì, sabato e domenica 11.00 – 18.00
Giovedì 12.00 – 21.00; Lunedì, martedì chiusO
AGOSTO chiuso
Ingresso gratuito

Twitter @formafoto
Facebook/FondazioneFormaPerLaFotografia