MILANOMERAVIGLI

La città in una foto.

Regolamento completo e iscrizione:

http://milanomeravigli.formafoto.it/

Milano. Veduta di Piazza Venticinque Aprile e dei nuovi edifici di Porta Nuova.

Il vincitore della Open Call 2 è Martino Lombezzi. La sua fotografia della Veduta di Piazza Venticinque Aprile e dei nuovi edifici di Porta Nuova è affiancata a una foto storica di Carla Cerati.

MilanoMeravigli è una open call permanente che in quattro sessioni premierà ogni volta la foto che meglio racconta la città di Milano. Il premio è a partecipazione libera e aperto a tutti i fotografi, senza alcuna limitazione di età o nazionalità. Le immagini potranno essere inedite o già esistenti; l’unica regola è che Milano sia il soggetto principale.

Scelte da una giuria formata da esperti del settore e da figure eminenti della città, le quattro fotografie premiate avranno un riconoscimento economico pari a 1.000€ e verranno esposte in grande formato nelle vetrate di Forma Meravigli della Galleria Meravigli. Al termine dell’esposizione, la stampa realizzata verrà consegnata all’autore.
L’allestimento sarà poi completato dalle fotografie storiche della città realizzate dai maestri della fotografia che durante loro carriera hanno raccontato visivamente Milano nelle sue diverse fasi.

A Forma Meravigli, fino a domenica 28 gennaio, sarà possibile vedere una proiezione con il lavoro dei 40 finalisti delle prime due open call.

  • Open Call 3 | Premiazione a dicembre 2017 | Iscrizione entro il 26/11/2017
  • Open Call 4 | Premiazione a gennaio 2018 | Iscrizione entro il  07/01/2018

Le proposte di partecipazione devono includere:

  • da 1 a un massimo di 3 immagini digitali (a colori o in bianco e nero):
    • in formato jpg, risoluzione 72 dpi, con lato corto di minimo 1080 pixel;
    • di peso massimo di 3 MB ciascuna;
    • i file devono essere accompagnati da didascalia, tramite la compilazione degli appositi campi corrispondenti.
  • Una breve biografia del fotografo
  • Un testo di presentazione del lavoro

Per informazioni
info@formafoto.it

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione. “Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione – Giuseppe Guzzetti, Presidente – perchè ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di Fondazione Cariplo” #conFondazioneCariplo.
#MilanoMeravigli
#ConFondazioneCariplo


 

 

Milano è senza dubbio la città italiana che più sta cambiando negli ultimi anni. Cresce, si alza, dona a chi la vive nuovi spazi, nuove strade, nuove piazze, si sovrappone alla Milano che fu. E’ una città nuova con il suo skyline: grattacieli che si ergono sui vecchi, sempre bellissimi, palazzi di un tempo. Parlare, scrivere, raccontare questo cambiamento non è sempre facile perché si rischia di dire troppo o troppo poco. Poi ci sono le fotografie di Martino Lombezzi: rigorose, pulite, impeccabili, affascinanti. Sintesi perfette di quello che sta accadendo: la Milano verticale che si innesta su quella orizzontale. Tutto riassunto in un’unica inquadratura. Essenziale, piena, ma non eccessiva. Questa è Milano, la nuova Milano e la forza di questa immagine è evidente. Non serve altro. E’ una fotografia potente che racconta con un linguaggio forte a cui non servono le parole. Basta guardare per capire che città è stata, che città è e che città vuole essere.

Milanomeravigli è un premio fotografico dedicato alla città di Milano, la città in una foto. Ecco perché sarebbe stato impossibile non premiare questa immagine di Martino Lombezzi.

La sua didascalia dovrebbe recitare semplicemente: Milano.

Con queste motivazioni la giuria, composta da Giuseppe Di Piazza, giornalista, Sergio Rossi, Vice segretario generale della Camera di Commercio di Milano, Alessandra Mauro, Direttore artistico di Fondazione Forma per la Fotografia, Serena Prinza, G.R.I.N. (Gruppo Redattori Iconografici Nazionali) e Francesco Falciola, vincitore della prima call di MilanoMeravigli, ha premiato il lavoro di Martino Lombezzi.

Stampa

DIRECTOR’S CUT

Ripensare il canone cinematografico

lezioni – proiezioni dedicate ai nuovi maestri del cinema contemporaneo

Dal 18 settembre al 13 novembre 2017

un progetto di filmidee in collaborazione con

Fondazione FORMA per la Fotografia

 

Quali registi stanno lasciando il segno nella contemporaneità cinematografica rivoluzionata dal digitale? Chi sono i nuovi maestri della settima arte?

Immaginando il configurarsi di un nuovo canone cinematografico ormai lontano dalla classicità, abbiamo ristretto il campo a quei registi  osannati dalla critica o prediletti dal pubblico dei cinefili, capaci di rispecchiare le tendenze odierne.

A Forma Meravigli, riparte il ciclo di lezioni-proiezioni in cui sarà possibile vedere e analizzare il lavoro dei nuovi maestri del cinema contemporaneo. Dai fratelli Coen a David Fincher, da Terrence Malick a Pablo Larrain passando per il maestro del cinema italiano Marco Bellocchio.

Ciascun incontro – a Forma Meravigli, dalle 19 alle 23 – prevede una lezione frontale monografica, volta a enucleare uno specifico tema all’interno dell’opera del regista preso in esame, con l’ausilio di spezzoni e la proiezione finale di una delle sue opere. In qualità di relatori si alterneranno i collaboratori della rivista Filmidee.

Sarà possibile accedere ai singoli incontri o scegliere delle formule di abbonamento; per informazioni e prenotazioni scrivere a scuola@formafoto.it

1 incontro / 10 euro
abbonamento 5 incontri / 45 euro

Il programma dei prossimi incontri:
18 SETTEMBRE_Alessandro Stellino / Olivier ASSAYAS
26 SETTEMBRE_Tommaso Isabella / Pedro COSTA
2 OTTOBRE_Jacopo Favi /Alain GUIRAUDIE
16 OTTOBRE_Francesca Monti / Pablo LARRAÍN
23 OTTOBRE_Gabriele Gimmelli / Joel & Ethan COEN
6 NOVEMBRE_Daniela Persico / WANG Bing
13 NOVEMBRE_Marco Longo / Marco BELLOCCHIO

FORMA MERAVIGLI
Via Meravigli 5, 20123 Milano

FILMIDEE
www.filmidee.it

Per costi e iscrizioni:
info@filmidee.it
scuola@formafoto.it
 – T 0258118067

Salva



 
Spray chimici proteggono un vigile del fuoco dal calore delle fiamme. Kuwait, 1991
© Sebastião Salgado/Amazonas Images/Contrasto

Acquista il biglietto online qui

“Non ho mai visto, né prima né dopo quel momento, un disastro innaturale così enorme.”
Sebastião Salgado

Venerdì 20 ottobre alle 11.30 inaugura a Forma Meravigli, per la prima volta a livello internazionale, la mostra “Kuwait. Un deserto in fiamme” di Sebastião Salgado.

L’esposizione, con il patrocinio del Comune di Milano, è realizzata in collaborazione con Amazonas Images, e promossa da Forma Meravigli, un’iniziativa di Fondazione Forma per la Fotografia in collaborazione con la Camera di Commercio di Milano e Contrasto.

Era il 1991 e la crisi in Medio Oriente e la Guerra del Golfo erano al centro del dibattito mondiale. Quando in Kuwait i soldati iracheni incendiarono oltre 600 pozzi di petrolio per ostacolare l’avanzata della coalizione militare guidata dagli statunitensi, Salgado fu tra i primi fotografi a intuire la reale portata e la gravità di questa situazione.

La guerra si era conclusa da solo un mese e nelle fotografie di Salgado ritroviamo vivido il paesaggio infernale che stava letteralmente bruciando davanti ai suoi occhi. Era in corso un disastro ambientale e decise di documentarlo seguendo l’operato dei vigili del fuoco e dei tecnici specializzati chiamati da tutto il mondo per limitare i danni e arginare le perdite.

Trentaquattro immagini di grande formato in un allestimento di grande impatto saranno esposte per la prima volta a Forma Meravigli: il bianco e nero tipico del fotografo brasiliano racconta di una luce apocalittica causata dal contrasto dei pozzi in fiamme e dalla coltre scura di petrolio che copriva il deserto, le persone e le cose. Gli occhi increduli e stanchi dei vigili del fuoco, lo sforzo fisico nel cercare di domare le fiamme, il fumo divagante: nei ricordi e nelle impressioni di Salgado, “era come affrontare la fine del mondo, un mondo intriso di nero e di morte”.

Passati 25 anni da quella tragedia, Sebastião Salgado ha sentito che il suo lavoro non fosse ancora del tutto completo e ha deciso infatti di tornare su queste fotografie, oggi ancora attuali, e di ampliarne la selezione arricchendola di immagini inedite.
In mostra a Forma Meravigli c’è il frutto di questa sua nuova sistemazione, un reportage che è un monito per il presente e il futuro, per non dimenticare i drammi del passato.
Kuwait al pari di Genesi, La mano dell’uomo, In cammino e Ritratti di bambini in cammino, è un importantissimo documento di storia moderna e una straordinaria opera fotografica.

Contrasto ha recentemente pubblicato l’autobiografia del fotografo, Dalla mia Terra alla Terra e gli altri libri Profumo di sogno. Viaggio nel mondo del caffè e Altre Americhe.

Sebastião Ribeiro Salgado nasce l’8 febbraio 1944 ad Aimorés, nello stato di Minas Gerais, in Brasile. A 16 anni si trasferisce nella vicina Vitoria, dove finisce le scuole superiori e intraprende gli studi universitari. Nel 1967 sposa Lélia Deluiz Wanick. Dopo ulteriori studi a San Paolo, i due si trasferiscono prima a Parigi e quindi a Londra, dove Sebastião lavora come economista per l’Organizzazione Internazionale per il Caffè. Nel 1973 torna insieme alla moglie a Parigi per intraprendere la carriera di fotografo. Lavorando prima come freelance e poi per le agenzie fotografiche Sygma, Gamma e Magnum, per creare poi insieme a Lèlia la agenzia Amzonas Images, Sebastião viaggia molto, occupandosi prima degli indios e dei contadini dell’America Latina, quindi della carestia in Africa verso la metà degli anni Ottanta. Queste immagini confluiscono nei suoi primi libri. Tra il 1986 e il 2001 si dedica principalmente a due progetti. Prima documenta la fine della manodopera industriale su larga scala nel libro La mano dell’uomo, (Contrasto, 1994) e nelle mostre che ne accompagnano l’uscita (presentata in 7 diverse città italiane). Quindi documenta l’umanità in movimento, non solo profughi e rifugiati, ma anche i migranti verso le immense megalopoli del Terzo mondo, in due libri di grande successo: In cammino e Ritratti di bambini in cammino. (Contrasto, 2000). Grandi mostre itineranti (A Roma alle Scuderie del Quirinale e poi a Milano all’Arengario di Palazzo Reale) accompagnano anche in questo caso l’uscita dei libri. Lélia e Sebastião hanno creato nello stato di Minas Gerais in Brasile l’Instituto Terra che ha riconvertito alla foresta equatoriale – che era a rischio di sparizione – una larga area in cui sino stati piantati decine di migliaia di nuovi alberi e in cui la vita della natura è tornata a fluire. L’Instituto Terra è una delle più efficaci realizzazioni pratiche al mondo di rinnovamento del territorio naturale ed è diventata un centro molto importante per la vita culturale della città di Aimorès. Genesi inizia come progetto nel 2003 e, dopo nove anni di lavoro, dal 2013 è stato esposto nei più importanti musei di tutto il mondo. Dal 18 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018 Genesì sarà esposta al PAN di Napoli.

Kuwait. Un deserto in fiamme.

La mostra sarà aperta dalle

17.00 di venerdì 20 ottobre 2017

fino a domenica 28 gennaio 2018

Tutti i giorni dalle 11.00 alle 20.00

Giovedì dalle 12.00 alle 23.00

Lunedì e martedì chiuso

Ingresso intero: 8 euro

Ridotto: 6 euro

#SalgadoMilano

 

 

APERTURE FESTIVITA’

01/11 dalle 11.00 alle 20.00

07/12 dalle 12.00 alle 23.00

08/12 dalle 11.00 alle 20.00

24/12 dalle 11.00 alle 16.00

25/12 chiuso

26/12 dalle 11.00 alle 20.00

31/12 dalle 11.00 alle 16.00

01/01 dalle 14.00 alle 20.00

06/01 dalle 11.00 alle 20.00

 

 

 

 

Ufficio Stampa Forma

Laura Bianconi

stampa@formafoto.it

335 7854609

Ufficio Stampa Camera di Commercio

ufficio.stampa@mi.camcom.it

02 8515.5224/98

 

Forma Meravigli

Via Meravigli 5

20123 Milano

0258118067

www.formafoto.it

Twitter @formafoto

Facebook /FondazioneFormaPerLaFotografia

Instagram Fondazione Forma per la Fotografia

 

 

Salva

Salva

Salva

MILANOMERAVIGLI

La città in una foto.

Regolamento completo e iscrizione:

http://milanomeravigli.formafoto.it/

Francesco Falciola, Le colonne di San Lorenzo, aprile 2017

Il vincitore della Open Call 1 è Francesco Falciola. La sua fotografia delle Colonne di San Lorenzo è affiancata a una foto storica di Gianni Berengo Gardin.

MilanoMeravigli è una open call permanente che in quattro sessioni premierà ogni volta la foto che meglio racconta la città di Milano. Il premio è a partecipazione libera e aperto a tutti i fotografi, senza alcuna limitazione di età o nazionalità. Le immagini potranno essere inedite o già esistenti; l’unica regola è che Milano sia il soggetto principale.

Scelte da una giuria formata da esperti del settore e da figure eminenti della città, le quattro fotografie premiate avranno un riconoscimento economico pari a 1.000€ e verranno esposte in grande formato nelle vetrate di Forma Meravigli della Galleria Meravigli. Al termine dell’esposizione, la stampa realizzata verrà consegnata all’autore.
L’allestimento sarà poi completato dalle fotografie storiche della città realizzate dai maestri della fotografia che durante loro carriera hanno raccontato visivamente Milano nelle sue diverse fasi.

  • Open Call 2 | Premiazione a settembre 2017 | Iscrizione entro il 31/08/2017
  • Open Call 3 | Premiazione a novembre 2017 | Iscrizione entro il 10/10/2017
  • Open Call 4 | Premiazione a gennaio 2018 | Iscrizione entro il 10/12/2017

Giuria Open Call 2
Giuseppe Di Piazza – Fotografo e giornalista del Corriere della Sera e di Sette
Sergio Rossi – Camera di Commercio di Milano
Alessandra Mauro – Fondazione Forma per la Fotograf
Serena Prinza – G.R. I. N. Gruppo redattori iconografici nazionale
Francesco Falciola – Vincitore della Open Call 1 di MilanoMeravi

Le proposte di partecipazione devono includere:

  • da 1 a un massimo di 3 immagini digitali (a colori o in bianco e nero):
    • in formato jpg, risoluzione 72 dpi, con lato corto di minimo 1080 pixel;
    • di peso massimo di 3 MB ciascuna;
    • i file devono essere accompagnati da didascalia, tramite la compilazione degli appositi campi corrispondenti.
  • Una breve biografia del fotografo
  • Un testo di presentazione del lavoroogePer to è stato realizzato con Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi

 

Per informazioni

info@formafoto.it

 

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre le parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione. “Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione – Giuseppe Guzzetti, Presidente – perchè ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di Fondazione Cariplo” #conFondazioneCariplo.
#MilanoMeravigli
#ConFondazioneCariplo

Salva

invito SITO

MILANOMERAVIGLI

La città in una foto.

Regolamento completo e iscrizione:

http://milanomeravigli.formafoto.it/

Adobe Photoshop PDF

Io vivo in questa città.

Amo questa città come si può amare qualcuno a cui ci lega un vecchio rapporto di familiarità e di amicizia. È la città nella quale sono cresciuto. Ha dato forma anche alle mie passioni, alle mie speranze, alle mie angosce.

Gabriele Basilico

Fin dalla sua apertura, Forma Meravigli è stato pensato come luogo di incontro, di dialogo e di osservazione tra la cultura visiva e la città di Milano e mai come in questi anni la fotografia sembra essere il linguaggio privilegiato per osservare i cambiamenti, le criticità e le eccellenze del tessuto urbano e della sua vita. In questo senso il lavoro di Gabriele Basilico e il suo rapporto di intensa e partecipata osservazione della città è stato una delle ispirazioni del lavoro di Forma.

Ecco perché è nata un’iniziativa come MilanoMeravigli: premiare l’eccellenza fotografica, rendere omaggio alla città e favorire il confronto con chi la vive ogni giorno.

MilanoMeravigli è una open call permanente che in quattro sessioni, da maggio a febbraio 2018, premierà ogni volta la foto che meglio racconta la città. Il premio è a partecipazione libera e aperto a tutti i fotografi, senza alcuna limitazione di età o nazionalità. Le immagini potranno essere inedite o già esistenti; l’unica regola è che Milano sia il soggetto principale.

Scelte da una giuria formata da esperti del settore e da figure eminenti della città, le quattro fotografie premiate avranno un riconoscimento economico e verranno esposte, in grande formato, nelle vetrate di Forma della Galleria Meravigli diventando, per due mesi, un nuovo landmark del tessuto cittadino.

La fruizione dell’opera creerà un inedito dialogo tra dentro e fuori, tra privato e pubblico, rivolgendosi non solo agli appassionati di fotografia ma anche ai passanti e ai turisti che quotidianamente transitano nella galleria, tipico esempio di liberty milanese.

L’allestimento sarà poi completato dalle immagini storiche della città realizzate dai maestri della fotografia che durante loro carriera hanno raccontato visivamente Milano nelle sue diverse fasi.

Il primo appuntamento è per mercoledì 10 maggio, data di apertura della prima call, con un omaggio importante e doveroso a Gabriele Basilico: in esposizione una sua suggestiva veduta di Milano e di piazza Duomo.

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo, tra le realtà filantropiche più importanti del mondo con oltre 1000 progetti sostenuti ogni anno per 144 milioni di euro e grandi sfide per il futuro. Giovani, benessere e comunità le tre parole chiave che ispirano oggi l’attività della fondazione. “Dalla coesione tra le persone parte la nostra piccola rivoluzione – Giuseppe Guzzetti, Presidente – perché ciascuno dia il proprio contributo per fondare il futuro della nostra società su quei principi di solidarietà e di innovazione sociale che sono alla base dell’operato di Fondazione Cariplo” #conFondazioneCariplo.

Coltivo l’illusione e la speranza che la disponibilità a osservare e ad accettare la condizione urbana contemporanea possa essere un buon punto di partenza per immaginare una città e un futuro migliori.

Gabriele Basilico

#MilanoMeravigli

#ConFondazioneCariplo

http://milanomeravigli.formafoto.it/

 

Open Call 1 | luglio 2017, entro il 10/06/2017

Open Call 2 | settembre 2017, entro il 10/07/2017

Open Call 3 | novembre 2017, entro il 10/10/2017

Open Call 4 | gennaio 2018, entro il 10/12/2017

 

Forma Meravigli

Via Meravigli, 5

Milano

0258118067

www.formafoto.it

 

Ufficio stampa Forma

Laura Bianconi

stampa@formafoto.it

3357854609

Stampa

 

DIRECTOR’S CUT

Ripensare il canone cinematografico

15 lezioni – proiezioni dedicate ai nuovi maestri del cinema contemporaneo

Dal 21 aprile al 13 novembre 2017

un progetto di filmidee

in collaborazione con

Fondazione FORMA per la Fotografia

 

Quali registi stanno lasciando il segno nella contemporaneità cinematografica rivoluzionata dal digitale? Chi sono i nuovi maestri della settima arte?

Immaginando il configurarsi di un nuovo canone cinematografico ormai lontano dalla classicità, abbiamo ristretto il campo a quei registi  osannati dalla critica o prediletti dal pubblico dei cinefili, capaci di rispecchiare le tendenze odierne.

A Forma Meravigli, da aprile a novembre, si terranno le prime 15 lezioni-proiezioni in cui sarà possibile vedere e analizzare il lavoro dei nuovi maestri del cinema contemporaneo. Dai fratelli Coen a David Fincher, da Terrence Malick a Pablo Larrain passando per il maestro del cinema italiano Marco Bellocchio.

Ciascun incontro – a Forma Meravigli, dalle 19 alle 23 – prevede una lezione frontale monografica, volta a enucleare uno specifico tema all’interno dell’opera del regista preso in esame, con l’ausilio di spezzoni e la proiezione finale di una delle sue opere. In qualità di relatori si alterneranno i collaboratori della rivista Filmidee.

Director’s cut prenderà il via il 21 aprile con una lezione dedicata al cinema di Paul Thomas ANDERSON a cura di Roberto Manassero.

 

Sarà possibile accedere ai singoli incontri o scegliere delle formule di abbonamento; per informazioni e prenotazioni scrivere a scuola@formafoto.it

1 incontro / 10 euro

abbonamento 5 incontri / 45 euro

abbonamento 10 incontri / 80 euro (2 incontri omaggio)

abbonamento 15 incontri / 120 euro (3 incontri omaggio)

 

Il programma completo della prima sessione di 15 incontri:

21 APRILE, Roberto Manassero / Paul Thomas ANDERSON
3 MAGGIO_Elisa Cuter / Harmony KORINE
15 MAGGIO_Giampiero Raganelli / Lav DIAZ
31 MAGGIO_Lorenzo Rossi / David FINCHER
12 GIUGNO_Emanuele Sacchi / Richard LINKLATER
19 GIUGNO_Marco Grosoli / Béla TARR
26 GIUGNO_Lorenzo Pedrazzi / Denis VILLENEUVE
3 LUGLIO_Pasquale Cicchetti / Terrence MALICK
18 SETTEMBRE_Alessandro Stellino / Olivier ASSAYAS
25 SETTEMBRE_Tommaso Isabella / Pedro COSTA
2 OTTOBRE_Jacopo Favi /Alain GUIRAUDIE
16 OTTOBRE_Francesca Monti / Pablo LARRAÍN
23 OTTOBRE_Gabriele Gimmelli / Joel & Ethan COEN
6 NOVEMBRE_Daniela Persico / WANG Bing
13 NOVEMBRE_Marco Longo / Marco BELLOCCHIO

 

FORMA MERAVIGLI
Via Meravigli 5, 20123 Milano

FILMIDEE
www.filmidee.it

Per costi e iscrizioni:
info@filmidee.it
scuola@formafoto.it
 – T 0258118067

Mercoledì 12 ottobre ore 18.30

CORSI_FOTO_2016 copia

I CORSI DI FOTOGRAFIA DI FORMA: OPEN DAY

Il 12 ottobre alle 18.30 si entrerà nel vivo della didattica grazie all’open day nell’ambito del quale gli insegnanti Emilio Resmini e Maurizio Montagna terranno lezioni dimostrative gratuite di introduzione ai corsi.

Tre proposte per venire incontro alle diverse esigenze dei partecipanti. “Tecnica fotografica 1”, tenuto da Maurizio Montagna, inizierà il 24 ottobre con cadenza settimanale. Il 25 ottobre sarà la volta di “Tecnica fotografica 2” che vedrà come insegnante Emilio Resmini.  C’è anche una proposta di corso base nel fine settimana: “Tecnica fotografica 1” dal 5 novembre sarà tenuto da Emilio Resmini.

Entrambi i corsi sono introduttivi, pensati per chi vuole imparare le tecniche fotografiche di base e i rudimenti del linguaggio fotografico. Nello specifico, “Tecnica fotografica 1” affronta le basi della tecnica e funzionamento della macchina fotografica; “Tecnica fotografica 2” entra nello specifico dei generi della fotografia e delle loro specificità: ritratto, reportage, still life ecc.

Durante le lezioni gli studenti avranno a disposizione per consultazione i volumi della libreria di Forma Meravigli. Le lezioni in aula saranno affiancate da un paio di uscite in esterna (diurne e notturne) per rendere pratiche le nozioni apprese. Al termine delle lezioni verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Tecnica Fotografica I

Tecnica Fotografica II

NOVITA’ – Tecnica Fotografica I (sabato mattina)

Per info e iscrizioni:
Tel 02
58118067
scuola@formafoto.it

Corso Base – sabato mattina

Periodo: dal 20 gennaio al 17 marzo 2018

Durata: 10 incontri, ogni sabato dalle 12.00 alle 14.00

Luogo: Forma Meravigli

 

Il docente:

Emilio Resmini nasce a Parabiago (Mi) nel 1958. Nel 1991, presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano, incontra Giovanni Chiaramonte con il quale intratterrà negli anni successivi una stimolante e proficua collaborazione. A partire dal 1993 alterna l’attività di fotografo a quella di stampatore fine-art in bianco e nero. Contestualmente inizia l’attività di insegnamento presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano e altri istituti, quali lo I.E.D. di Torino e l’Officina Fotografica di Milano.

Fotografo professionista dal 1996, collabora con agenzie di grafica e pubblicità specializzandosi in immagini di still-life. Inoltre lavora come free-lance per enti pubblici e società private, ricevendo committenze negli ambiti del ritratto, dell’editoria, dello spettacolo, dell’industria e in particolare dell’architettura e del design. Proprio all’Architettura e al Design è legata la maggior parte delle sue pubblicazioni in forma di cataloghi a diffusione internazionale e di redazionali in prestigiose riviste del settore.

All’attività professionale si affianca quella di ricerca che, influenzata dalla cinematografia di Wim Wenders, si ispira ad autori come Kertész, Frank, Koudelka e Ghirri, esprimendosi in un percorso espositivo che ha avuto luogo in Italia e all’estero.

Quota di partecipazione: € 320 per il singolo corso

Sconto del 15% se ci si iscrive subito ad entrambi i corsi (Tecnica I + Tecnica II) pagando € 550 (al posto di € 640); se si decide di proseguire a fine corso o nei mesi successivi lo Staff di Forma propone uno sconto pari al 7% (300 euro al posto di 320)

Per info e iscrizioni:

Tel 02 58118067 | scuola@formafoto.it

Il numero dei posti è limitato. Si prega di presentare con anticipo la domanda di iscrizione.

Per partecipare è necessario effettuare un’Erogazione Liberale per le attività culturali della Fondazione con la seguente causale: EROGAZIONE LIBERALE (indicare il titolo del corso).

La Fondazione rilascerà regolare quietanza di avvenuta donazione valida ai fini fiscali.

Modalità di pagamento:

– assegno bancario intestato a Fondazione Forma per la Fotografia

– carta di credito o bancomat presso Forma Meravigli

– bonifico bancario presso:

Intestato: FONDAZIONE FORMA PER LA FOTOGRAFIA

Banca Prossima

IBAN: IT02B0335901600100000119318

BIC/SWIFT: BCITITMX

 

Per informazione scriveteci a: scuola@formafoto.it

corsi_foto

Tecnica Fotografica I

Tecnica Fotografica II

NOVITA’ – SABATO MATTINA

Al via le iscrizioni per i corsi di fotografia di Forma Meravigli per l’anno 2017.

Tre proposte per venire incontro alle diverse esigenze dei partecipanti. “Tecnica fotografica 1” e “Tecnica fotografica 2”con cadenza settimanale e infine una proposta di corso base nel fine settimana: “Tecnica fotografica 1”.

Tutti i corsi sono tenuti dal docente Emilio Resmini.

Entrambi i corsi sono introduttivi, pensati per chi vuole imparare le tecniche fotografiche di base e i rudimenti del linguaggio fotografico. Nello specifico, “Tecnica fotografica 1” affronta le basi della tecnica e funzionamento della macchina fotografica; “Tecnica fotografica 2” entra nello specifico dei generi della fotografia e delle loro specificità: ritratto, reportage, still life ecc.

Durante le lezioni gli studenti avranno a disposizione per consultazione i volumi della libreria di Forma Meravigli. Le lezioni in aula saranno affiancate da un paio di uscite in esterna (diurne e notturne) per rendere pratiche le nozioni apprese. Al termine delle lezioni verrà rilasciato un attestato di partecipazione

 

Per informazioni:
02.58118067
scuola@formafoto.it

Per info e iscrizioni:
Tel 02
58118067
scuola@formafoto.it

Corso Avanzato

Periodo: dal 23 gennaio al 13 marzo 2018

Durata: 10 incontri, ogni martedì dalle 19.00 alle 21.00

Luogo: Forma Meravigli

Programma:

Secondo modulo della proposta formativa base di Forma Meravigli, il corso si rivolge a chi ha seguito il corso Tecnica Fotografica 1 o in generale a coloro che possiedono già una buona conoscenza del mezzo fotografico e vogliono raffinare la propria tecnica, approfondendo le competenze specifiche dei differenti “generi” della fotografia. Associando contenuti tecnici e teorici a un fondamentale addestramento dello sguardo, il corso ha l’obiettivo di far acquisire ai partecipanti le capacità tecniche che consentono un utilizzo consapevole del mezzo fotografico e sviluppare con esso le proprie capacità espressive.

In particolare, il corso avanzato prevede numerose sessioni collettive di ripresa, diurne e serali, in interni ed esterni, organizzate intorno alle seguenti tematiche:

– Paesaggio e Architettura

– Ritratto

– Reportage

– Editing e sequenza

La metodologia didattica prevede l’individuazione di alcune immagini storiche che andranno riprodotte in maniera fedele da parte degli allievi, mettendo con ciò alla prova la propria abilità tecnica ed esercitando contestualmente la capacità di osservazione delle immagini altrui e proprie. È prevista inoltre l’assegnazione di un progetto che andrà svolto individualmente e sul quale saranno organizzate apposite sessioni di discussione critica.

Le lezioni si svolgeranno nella sala dedicata alla didattica dello spazio di Forma Meravigli e saranno accompagnate da videoproiezioni esplicative di ogni argomento e dalla visione/analisi di libri fotografici di particolare rilievo per la storia della fotografia. Inoltre, sono previste sessioni di ripresa collettive, diurne e serali, nelle quali saranno messe in pratica le nozioni apprese per verificarne le problematiche sul campo. Le lezioni in aula saranno completate da tre sessioni di scatto in esterna, durante le quali gli allievi avranno la possibilità di sperimentare le nozioni teoriche acquisite nella pratica dello scatto fotografico.

Ai partecipanti che porteranno a termine il corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione a firma del docente e della direzione didattica di Forma.

Il docente:

Emilio Resmini nasce a Parabiago (Mi) nel 1958. Nel 1991, presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano, incontra Giovanni Chiaramonte con il quale intratterrà negli anni successivi una stimolante e proficua collaborazione. A partire dal 1993 alterna l’attività di fotografo a quella di stampatore fine-art in bianco e nero. Contestualmente inizia l’attività di insegnamento presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano e altri istituti, quali lo I.E.D. di Torino e l’Officina Fotografica di Milano.

Fotografo professionista dal 1996, collabora con agenzie di grafica e pubblicità specializzandosi in immagini di still-life. Inoltre lavora come free-lance per enti pubblici e società private, ricevendo committenze negli ambiti del ritratto, dell’editoria, dello spettacolo, dell’industria e in particolare dell’architettura e del design. Proprio all’Architettura e al Design è legata la maggior parte delle sue pubblicazioni in forma di cataloghi a diffusione internazionale e di redazionali in prestigiose riviste del settore.

All’attività professionale si affianca quella di ricerca che, influenzata dalla cinematografia di Wim Wenders, si ispira ad autori come Kertész, Frank, Koudelka e Ghirri, esprimendosi in un percorso espositivo che ha avuto luogo in Italia e all’estero.

Quota di partecipazione: .  € 320 per il singolo corso

Sconto del 15% se ci si iscrive subito ad entrambi i corsi (Tecnica I + Tecnica II) pagando € 550 (al posto di € 640); se si decide a fine corso o nei mesi successivi lo Staff di Forma propone uno sconto pari al 7% (300 euro al posto di 320)

Il numero dei posti è limitato. Si prega di presentare con anticipo la domanda di iscrizione.

Per info e iscrizioni:

Tel 02 58118067 | scuola@formafoto.it

 

Per partecipare è necessario effettuare un’Erogazione Liberale per le attività culturali della Fondazione con la seguente causale: EROGAZIONE LIBERALE (indicare il titolo del corso).

La Fondazione rilascerà regolare quietanza di avvenuta donazione valida ai fini fiscali.

 

Modalità di pagamento:

– assegno bancario intestato a Fondazione Forma per la Fotografia

– carta di credito o bancomat presso Forma Meravigli

– bonifico bancario presso:

Intestato: FONDAZIONE FORMA PER LA FOTOGRAFIA

Banca Prossima

IBAN: IT02B0335901600100000119318

BIC/SWIFT: BCITITMX

Corso Base:

Inizio: dal 20 gennaio al 17 marzo 2018

Durata: 10 incontri, ogni sabato mattina dalle 12.00 alle 14.00

Luogo: Forma Meravigli

Programma:

Modulo base della proposta formativa di Forma Meravigli, il corso si rivolge a chi vuole apprendere i principali rudimenti e competenze della pratica fotografica.

Associando contenuti tecnici e teorici a un fondamentale addestramento dello sguardo, il corso ha l’obiettivo di far acquisire ai partecipanti le capacità tecniche che consentono un utilizzo consapevole del mezzo fotografico e sviluppare con esso le proprie capacità espressive.

I principali argomenti trattati sono:

–      Lo strumento fotografico (evoluzione, tipologie: analogico/digitale, formati, obiettivi, accessori)

–      La composizione (grafica, fotografica, lettura e scelta della scena)

–      L’esposizione (pellicole, il ccd, tempi di apertura, diaframmi)

–      La luce (modalità di lettura della luce, contrasto, utilizzo espressivo della luce)

Le lezioni saranno accompagnate da videoproiezioni esplicative di ogni argomento e dalla visione/analisi di libri fotografici di particolare rilievo per la storia della fotografia. Inoltre, sono previste sessioni di ripresa collettive, diurne e serali, nelle quali saranno messe in pratica le nozioni apprese per verificarne le problematiche sul campo.

Le lezioni in aula saranno completate da due sessioni di scatto in esterna, durante le quali gli allievi avranno la possibilità di sperimentare le nozioni teoriche acquisite nella pratica dello scatto fotografico. Inoltre, secondo la disponibilità degli allievi, verranno organizzate visite collettive alle mostre fotografiche programmate in città durante il periodo del corso, con l’obiettivo di confrontarsi con le immagini dei grandi maestri e con le modalità della loro presentazione.

Le lezioni si svolgeranno nella sala dedicata alla didattica dello spazio di Forma Meravigli.
Il docente:

Emilio Resmini nasce a Parabiago (Mi) nel 1958. Nel 1991, presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano, incontra Giovanni Chiaramonte con il quale intratterrà negli anni successivi una stimolante e proficua collaborazione. A partire dal 1993 alterna l’attività di fotografo a quella di stampatore fine-art in bianco e nero. Contestualmente inizia l’attività di insegnamento presso la Civica Scuola di Fotografia di Milano e altri istituti, quali lo I.E.D. di Torino e l’Officina Fotografica di Milano.

Fotografo professionista dal 1996, collabora con agenzie di grafica e pubblicità specializzandosi in immagini di still-life. Inoltre lavora come free-lance per enti pubblici e società private, ricevendo committenze negli ambiti del ritratto, dell’editoria, dello spettacolo, dell’industria e in particolare dell’architettura e del design. Proprio all’Architettura e al Design è legata la maggior parte delle sue pubblicazioni in forma di cataloghi a diffusione internazionale e di redazionali in prestigiose riviste del settore.

All’attività professionale si affianca quella di ricerca che, influenzata dalla cinematografia di Wim Wenders, si ispira ad autori come Kertész, Frank, Koudelka e Ghirri, esprimendosi in un percorso espositivo che ha avuto luogo in Italia e all’estero.

Quota di partecipazione: € 320 per il singolo corso
Sconto del 15% se ci si iscrive subito ad entrambi i corsi (Tecnica I + Tecnica II) pagando € 550 (al posto di € 640); se si decide di proseguire a fine corso o nei mesi successivi lo Staff di Forma propone uno sconto pari al 7% (300 euro al posto di 320)

Per info e iscrizioni:
Tel 02 58118067 | scuola@formafoto.it

Il numero dei posti è limitato. Si prega di presentare con anticipo la domanda di iscrizione.

Per partecipare è necessario effettuare un’Erogazione Liberale per le attività culturali della Fondazione con la seguente causale: EROGAZIONE LIBERALE (indicare il titolo del corso).

La Fondazione rilascerà regolare quietanza di avvenuta donazione valida ai fini fiscali.

Modalità di pagamento:

– assegno bancario intestato a Fondazione Forma per la Fotografia

– carta di credito o bancomat presso Forma Meravigli

– bonifico bancario presso:

Intestato: FONDAZIONE FORMA PER LA FOTOGRAFIA

Banca Prossima

IBAN: IT02B0335901600100000119318

BIC/SWIFT: BCITITMX

Per informazione scriveteci a: scuola@formafoto.it

Una nuova mission per Fondazione Forma!

 

8-GBG-Contrasto

La nuova attività della Fondazione Forma si rivolge a una parte della propria mission ancora non del tutto messa in pratica e che sarà costitutiva del lavoro dei prossimi anni: la valorizzazione, conservazione, studio e divulgazione dei grandi archivi dei maestri della fotografia italiana.
La nostra mostra di apertura nel 2005 nella sede di Piazza Tito Lucrezio Caro, dedicata a Gianni Berengo Gardin, era una chiara dichiarazione di intenti: la Casa della Fotografia Italiana iniziava il proprio programma con una mostra dedicata a un grande autore italiano. Ora, il primo archivio verso cui rivolgeremo la nostra attenzione è proprio quello di GBG.
Siamo molto lieti di annunciare che abbiamo concluso un accordo quadro con Gianni Berengo Gardin e la famiglia nel quale la Fondazione sarà depositaria e gestionaria dell’intero suo archivio, compresi i negativi, i provini, le stampe, i documenti, alcune delle macchine fotografiche. Altri accordi con altrettanti maestri italiani seguiranno e colloqui sono già in corso in questa direzione.
Questo progetto, che per la prima volta si realizza in Italia con una dimensione ampia e completa, impegnerà la attività di Forma per i prossimi 10 anni, con le capacità che abbiamo e che comprendono tutte le attività di catalogazione e valorizzazione delle opere e del lavoro del patrimonio visuale della fotografia italiana. Il progetto è di importanza assoluta e costituisce una iniziativa pilota che non ha precedenti nel nostro paese e pochissimi all’estero.

La fotografia deve assumere nel nostro paese, come le altre discipline artistiche, piena dignità e valore; questo impegno parte proprio dalla valorizzazione di quanto fatto dai grandi fotografi italiani.

 

I contatti:

Per informazioni riguardanti mostre di Gianni Berengo Gardin: Valeria Moreschi, vmoreschi@formafoto.it

Per l’acquisto di fotografie e per collezionismo: Alessia Paladini, contrastogalleria@contrasto.it

Per la richiesta di autorizzazioni alla pubblicazione di fotografie facenti parte dell’Archivio o per interviste rivolgersi:  Francesca Ferretti, fferretti@contrasto.it
Ufficio stampa: Laura Bianconi, stampa@formafoto.it

Gran Bretagna, 1977

Immagine 1 di 18

Gran Bretagna, 1977